Sanddornbalance: perfetto equilibrio

Miyoko Shida

A noi Navigabondi i talenti straordinari e improbabili piacciono un sacco!

Quella che vedete di fianco è Miyoko Shida: una danzatrice che, grazie alla partecipazione ad un talent show televisivo, ha recentemente portato alla conoscenza del grande pubblico la mistica arte del Sanddornbalance.

In realtà, questa performance nasce dalla brillante mente di Mädir Eugster, co-fondatore del Rigolo Swiss Nouveau Cirque, che sin dal 1996 è stato l’unico in grado di eseguire questa spettacolare danza di equilibrio. Soltanto di recente ha deciso di condividere i suoi segreti con alcuni artisti, tra i quali la nostra Miyoko Shida (sua collega nel Rigolo) e la figlia, Lara Jacobs Eugster, “Dea dell’Equilibrio” nello show Amaluna del noto Cirque du Soleil.

Vediamo allora Eugster all’opera in questo corto di Tobias Hutzler che, scegliendo un fondale bianco, ci mette nella migliore condizione per poter apprezzare e seguire l’incredibile concentrazione necessaria per svolgere la performance.. Davvero da togliere il fiato!
(ndr: full screen consigliato)

Nulla da aggiungere.. Se non la nostra stima!

Fonti: Sanddornbalance su Ute Classen, Sanddornbalance su Oregon Expat

Recapiti social:

Miyoko Shida: MySpace, YouTube, Facebook

Mädir Eugster: Facebook

Lara Jacobs Eugster: YouTube, Twitter, Tumblr, Facebook


Annunci

Al Rallentatore

Il percorso di oggi nasce da un interrogativo semplice ma affascinante: in quale modo oscuro i chicchi di mais diventano pop-corn??

La cosa ha solleticato la mia curiosità, ed è stata all’origine di un viaggio fantastico nel mondo dello slow-motion. C’è da dire che questa tecnica, che consiste semplicemente nel rallentare le immagini riprese, ha decisamente trovato nuova linfa con nuove apparecchiature, sempre più sofisticate (nonché con l’ausilio di piattaforme di condivisione video).

Se avete mai fatto una passeggiata tra questi tipi di video, vi sarete sicuramente resi conto del fatto che i palloncini d’acqua sono tra i migliori amici dello slow-motion (oltre ai cani sbavanti, naturalmente). Tra tutti i tentativi, ha catturato il mio interesse il canale SlowMo Guys, che mi ha convinta a spendere 5 minuti del mio tempo nella trepidante attesa di vedere il modo meraviglioso in cui un pallone d’acqua di circa 2 metri di diametro esplode, tempo assolutamente ben speso..

Comunque.. Le applicazioni artistiche sono pressochè infinite. Ad esempio potete apparecchiare con cura la vostra tavola per poi farla precipitare velocemente verso il basso (ndr: magari mangiate qualcosina prima!), il risultato sarà qualcosa del genere:

Vi lascio con un contributo del Blue Man Group (che tra l’altro ho avuto occasione di vedere dal vivo qualche anno fa, consigliatissimi!), ipnotici e geniali, come sempre!

POST-IT: vi siete mai chiesti invece come mai nel cinema muto correvano tutti?? E’ presto detto: i primi film venivano girati a 16 fotogrammi al secondo, al contrario dei film con il sonoro che invece sono girati a 24 fotogrammi/secondo; ragion per cui, un film precedente l’avvento del sonoro, riprodotto ad una velocità maggiore, diventa tutto accelerato (Fonte: Focus)


Raffa

Che schianto il caschetto d’oro!

Correva l’anno 1985 e Giovanni Minoli (tra un complotto, un colpo di Stato, l’omicidio Kennedy, Berlinguer, la seconda guerra mondiale, etc.) trovava un po’ di tempo per occuparsi di una colonna della Rai: Raffaella Carrà.

 

P.S. – Dedico questa chicca per gli aficionados degli archivi storici (come me) ai genuini amanti dei gloriosi ’80s.. Ma riuscite a immaginare dei look più.. più… più-e-basta di quelli dell’epoca??

 


Ritmo

Inconcepibile! 

..è l’unica parola che viene in mente ad una persona scoordinata (quale io sono) vedendo un talento del genere:

P.S. – ho appena deciso di dedicare 14′ 34″ (interi!) alla visione di questo filmato. So che l’attenzione media per i contenuti in rete raramente supera i 2-3 minuti, ma in qualità di fiera rappresentante della categoria dei Navigabondi, ho voluto fare esperienza di questa performance ipnotica. Seguirne il ritmo ha un effetto che oscilla tra il rilassante e il galvanizzante! 

Consigliato!